giovedì 23 febbraio 2017

Orgoglio e Pregiudizio Story: perchè tutti sogniamo un amore come quello di Lizzie e Darcy

In un modo o nell'altro ognuno di noi, durante la vita, è entrato in contatto con Orgoglio e Pregiudizio, il grande capolavoro di Jane Austen. Magari avete letto il libro e ve ne siete innamorati oppure vi ha annoiati a morte. Magari avete visto qualche trasposizione cinematografica oppure ne avete sentito parlare a lezione di inglese al liceo. In ogni caso è innegabile che questo romanzo sia uno dei più letti e conosciuti della storia letteraria. 
Susy del blog I miei magici mondi ha avuto un'idea: far rivivere la magia di quelle pagine qui nella blogosfera, con un evento a tappe che vi permetterà di approfondire questo mondo austeniano e anche, per il più assiduo commentatore, di vincere una copia digitale dell'opera.  


Prima tappa
Orgoglio e Pregiudizio Story - Presentazione 

Seconda tappa 
L'ambientazione del  romanzo

Terza tappa 
Perchè tutte vorremmo essere Lizzie Bennet
(Briciole di parole)

Quarta tappa 
Perchè tutte amiamo Darcy
( La spacciatrice di libri)

Prossima tappa
Film tratti dal libro
Ci sono alcune coppie  che nel modo della letteratura che hanno fatto la storia: Romeo e Giulietta, Tristano e Isotta, Renzo e Lucia, Dante e Virgilio ( scusate, deformazione professionale). Ma nonostante la loro fama, raramente si giunge a sognare un amore come il loro. Pensate a Renzo e Lucia: I promessi sposi è un'opera meravigliosa, ma di certo non per la sua storia d'amore. Vogliamo parlare di Romeo e Giulietta? Per quanto, a mio parere, di amore ve ne sia realmente poco in questa tragedia, non credo che nessuno di noi sia pronto a squartarsi il petto per due bei occhi e un lucente ciuffo. 

Risultati immagini per elizabeth e darcy


Con Elizabeth e Darcy, non è così. Perchè ognuno di noi, ad un certo punto, ha sognato una storia come la loro. 
Dopo approfonditi studi e molte riflessioni notturne, penso che il loro segreto sia quello di essere imperfetti. 

Immagine correlata

Fin dalle prime pagine ci vengono presentati due protagonisti pieni di difetti: orgogliosi, testardi, pieni di pregiudizi. Badate bene, non c'è nulla di male in ciò: la zia Jane ci descrive due personaggi veri, tangibili, che potrebbero tranquillamente essere dei nostri parenti o amici. Nessuna estrema rappresentazione di qualche virtù, nessuna drammatica realtà, semplicemente Elizabeth Bennet e William Darcy. 
Due anime estremamente diverse, ma anche estremamente simili. Orgoglio e Pregiudizio non si conclude con un "vissero felici e contenti", perchè sappiamo che non è stato così. Dopo tutti quei capitoli, conosciamo bene i nostri beniamini e sappiamo che non potrebbero mai andare completamente d'accordo. Dopo il matrimonio immagino molte liti a Pemberley, ma anche molte risate e tantissimo amore.
L'amore di Elizabeth e Darcy è un amore possibile, quello che ognuno di noi merita e che, con un pizzico di fortuna, può trovare. 
Alla fine, Jane Austen ci ha permesso di riconoscere la felicità nell'imperfezione. 


Alla prossima, 

3 commenti:

  1. Lizzie e Darcy sono davvero la mia coppia preferita di tutta la letteratura. Sono d'accordissimo con te per quanto riguarda I promessi sposi, di certo Renzo e Lucia non sono conosciuti per la loro storia d'amore. Complimentissimi per il post :)

    RispondiElimina
  2. Bellissimo post Adele.
    Sono molto contenta che tu abbia deciso fin da subito di partecipare e condivido in pieno le tue parole

    RispondiElimina
  3. Ciao Adele, mi piace sempre moltissimo leggere i tuoi post: sono chiari, precisi e arrivano dritti al punto senza troppi giri di parole (a differenza di altre persone - ovvero IO - che consumano i tasti della tastiera a furia di chiacchiere!). Sono completamente d'accordo con te, Elizabeth e Darcy sono una coppia che funziona per il semplice fatto che sono veri come il pane e la Nutella che mi sto scofanando in questo momento! Sono difettosi, testardi, indipendenti, orgogliosi di ciò che sono ma anche pronti a sbagliarsi, a scusarsi, a cambiare opinione e a rammaricarsi per gli errori commessi. Quindi hai ragione, è l'imperfezione che li rende così incredibilmente perfetti. L'imperfezione e, se posso aggiungere, anche la capacità di cambiare per l'altro. La Austen sapeva il fatto suo eh? ;) Complimenti per il post fanciulla!

    RispondiElimina

Grazie per ogni commento lasciato! Mi fa realmente piacere conoscere le vostre opinioni :)