TinyDropdown Menu The Book Lawyer: Cari lettori, mi sono laureata. Sul seguire le proprie passioni

giovedì 12 luglio 2018

Cari lettori, mi sono laureata. Sul seguire le proprie passioni



Quando il compito che ci diamo ha l'urgenza della passione, non c'è niente che possa impedirci di portarlo a termine.
Storia di chi fugge e di chi resta, Elena Ferrante 


Giovedì 5 luglio mi sono laureata in Lettere. Vorrei raccontarvi delle ansie, delle ore di studio e delle difficoltà che ho incontrato in questi tre anni, ma penso che non contribuirei con nulla di nuovo: tutti gli studenti universitari conoscono fin troppo bene i litri di caffè ingurgitati per tenere gli occhi aperti e le corse dal dottore alla ricerca di una cura per quel male inspiegabile che alla fine cura non ha, perché “è solo lo stress: stia tranquilla/o”. Quello di cui voglio parlarvi oggi è la passione.

Una volta concluso il liceo non ho dovuto scegliere quale percorso universitario intraprendere, perché il mio cuore aveva già deciso da tempo. Tutti siamo a conoscenza della poca fama che i corsi di laurea di Studi Umanistici hanno oggigiorno: per tutti questi anni molti hanno storto il naso mentre spiegavo che studiavo Lettere, annoverandomi nella categoria di tutti coloro che "non hanno i piedi  per terra" e  che "non capiscono come funziona il mondo". Persino la fiorista che si è occupata di intrecciare diligentemente la mia corona d’alloro, dopo avermi chiesto in cosa mi stessi laureando e avendo udito la mia risposta, mi ha guardata come se le avessi rivelato che il mio sogno era quello di aprire un bordello nel peggior quartiere di Caracas. Comunque nonostante le domande indiscrete, le facce perplesse e i repentini cambi di argomento, non ho mai messo in discussione la mia scelta. 





Dovete sapere, cari lettori, che se avessi optato per un qualsiasi altro corso di laurea non sarei mai stata felice, perché il mio cuore sarebbe sempre stato da un’altra parte. Avrei potuto fingere, far credere a tutti che era quello il mio sogno, ma non sarei mai riuscita ad ingannare me stessa. 
Sono consapevole di essere davvero fortunata, perché non a tutti è concessa la libertà di seguire la propria inclinazione: ad esempio (e questo è l’aspetto di cui sono più grata) i miei genitori mi hanno sempre spinta a vivere la mia vita al massimo, indipendentemente da come volessi condurla. 


Molti credono che io abbia scelto questa facoltà perché mi piace leggere, ma questa supposizione è veramente riduttiva. Ciò che io amo e ciò che mi fa sentire davvero viva è studiare, imparare, conoscere, creare: questo corso di laurea ha alimentato il mio sapere, mi ha sfidata, mi ha fatto perdere e vincere, mi ha spinta a mettermi in gioco e ad affrontare le mie paure. Inoltre mi ha permesso di studiare e analizzare un ambito che è per me di primario interesse, ossia i sentimenti umani: solo la letteratura può permetterti di farlo



Ad una settimana dalla laurea tutti continuano a chiedermi “Ma adesso cosa farai?” “Ma che lavoro vuoi fare?” e con gioia io continuo a rispondere con le stesse parole che Brunetto Latini aveva rivolto a Dante: 

Ed elli a me: "Se tu sei tua stella
non puoi fallire a glorioso porto [...]"
(Inferno, c. XV, vv. 55-56)

Se siete curiosi, comunque, con la mia passione per lo studio non potevo certo fermarmi qua: a settembre inizierò la magistrale di Lettere Moderne, perché il cuore ho deciso di continuare a seguirlo. 


Alla prossima,

12 commenti:

  1. Congratulazioni! Sono dell'idea che ognuno deve seguire i propri sogni, qualunque cosa dica o pensi la gente :)

    RispondiElimina
  2. Mi hai commosso, è davvero sempre un piacere leggerti! Per me il discorso università/lavoro è molto complicato, perciò ti auguro di trovare il meglio! <3

    RispondiElimina
  3. Tanti auguri e complimenti per il coraggio avuto nell'inseguire il tuo sogno! :)

    RispondiElimina
  4. Complimenti per il grandioso traguardo! Io sono al primo anno di Lettere Moderne (Università degli Studi di Milano) e mi rispecchio in tutto ciò che hai scritto. Spero anche io, un giorno, di guardare al percorso affrontato con soddisfazione ed orgoglio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! <3
      Ma allora non solo siamo colleghe, ma studiamo anche nello stesso Ateneo!
      Te lo auguro con tutto il cuore. :)

      Elimina
  5. Ciao fanciulla, congratulazioni per la tua meritatissima laurea e per i progetti futuri di studio! In effetti, scegliere ciò che ci appassiona, soprattutto all'università, è di vitale importanza, indipendentemente da cosa si farà "dopo". Per esempio, io ho studiato psicologia perché era la mia prima passione, che mi inseguiva da quando facevo le scuole medie. Certo, qualcuno potrebbe pensare che, con l'ansia sociale a palla che ho, ho scelto forse un lavoro che mi porterà ad un attacco cardiaco in meno di un anno, e forse ha pure ragione, ma all'epoca decisi di fregarmene, per una volta, e fare quello di cui avevo voglia, senza pensarci troppo su. E adesso, con la laurea in tasca, un futuro mooolto incerto davanti a me, e con l'ansia ancora abbastanza presente nella mia vita, ti dirò che non mi sono affatto pentita. Tutto ciò per dire: al diavolo i pragmatici e brindiamo con le parole di La La Land: here's to the fools who dream, Crazy as they may seem, Here's to the hearts that break, Here's to the mess we make. Congratulazioni ancora, dottoressa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara, grazie mille per le tue parole! <3
      Come puoi immaginare, condivido ognuna di esse.
      Tantissimo bene per te! <3

      Elimina
  6. Congratulazioni!
    Che poi sarò io strana - o forse è che sono una lettrice e che sono romantica e che amo la storia e la letteratura - ma sono sempre entusiasta quando qualcuno mi dice che sta studiando o ha studiato in ambito umanistico xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! <3
      Capisco completamente il tuo entusiasmo! :D

      Elimina

Grazie per ogni commento lasciato! Mi fa realmente piacere conoscere le vostre opinioni.