giovedì 10 maggio 2018

La blogosfera me li ha fatti leggere: sei libri che ho letto grazie al blog


Ormai sono quasi tre anni che bazzico nella blogosfera ( ma questo termine si utilizza ancora o è entrato in disuso?): ho consigliato tantissimi libri, ho letto tantissime recensioni e tantissimi blogger mi hanno fatto conoscere tantissimi romanzi. 
Oggi voglio parlarvi di sei titoli che mai avrei letto se non fosse stato per la blogosfera e i suoi meravigliosi componenti. 




Florence Gordon di Brian Morton

Vorrei tanto ricordarmi quale blog mi ha fatto conoscere questo delizioso romanzo, ma purtroppo la mia memoria inizia a fare cilecca. Florence e le sue avventure mi hanno tenuto compagnia in molti dei miei viaggi da pendolare e sarei davvero curiosa di rileggere questo libro.



Il contrario della solitudine di Marina Keegan

Questo libro era stato consigliato da Siham, una bravissima blogger oltre che una meravigliosa amica. Confesso che rileggere la mia recensione mi ha regalato una strana sensazione, perché non mi sono riconosciuta nella descrizione che davo di me stessa. Vedere quanto io sia cambiata in poco più di due  anni mi riempie di orgoglio e di gioia. 




L'intestino felice di Giulia Enders 

Risultati immagini per l'intestino felice copertinaNon si può non rimanere affascinati dall'intestino, soprattutto se a raccontarlo è la voce di Giulia Enders. Se anche voi, come me, non siete per niente schizzinosi, amerete questo libro. Di questo saggio vi ho parlato su Instagram pochissimi giorni fa e in questo caso era stata la recensione di Lucrezia a convincermi (anche se ci ho messo qualche anno a leggerlo). 



Le tartarughe tornano sempre di Enzo Gianmaria Napolillo

25050131Ed ecco che ritorna la mia Siham con un libro di cui, anche in questo caso, vi ho parlato da poco su Instagram e che mi ha dato l'idea per questo post.
Ho intenzione di rileggere e annotare questo romanzo quest'estate, perché sono curiosa di sapere se è ancora in grado di rapirmi. 

(Un appello al signor Napolillo: so che sta scrivendo un altro romanzo, ma quanto manca? Noi la aspettiamo con trepidazione!)



The queen of the Tearling di Erika Johansen

Questo romanzo era popolarissimo nella blogosfera, soprattutto per la bellissima edizione. Leggine a destra, leggine a sinistra, alla fine mi sono convinta ad acquistarlo e ... Che delusione! Rileggendo la mia recensione penso di essere stata fin troppo gentile: sarà che in quel momento i miei gusti letterari stavano iniziando a cambiare, ma la lentezza di questo romanzo mi aveva davvero stremata. 


Regina rossa di Victoria Aveyard

Altro libro famosissimo nella blogosfera (e che continua ad esserlo grazie ai seguiti), ma che non mi ha lasciato davvero nulla. Ammetto che, non avendo ancora capito la mia identità letteraria, mi lasciavo un po' trasportare assaggiando di qua e di là.
 Questi romanzi, però, un merito ce l'hanno: mi hanno fatto capire, in negativo, cosa davvero non fa per me. 




Quali sono i libri che vi sono stati consigliati sulla blogosfera e di cui vi siete innamorati/e? E quali invece vi hanno particolarmente delusi, nonostante la loro fama?
Alla prossima, 

8 commenti:

  1. Ciao! :) ho davvero perso il conto dei numerosi libri letti grazie alla blogsfera xD per fortuna, aggiungo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, sarebbe impossibile tenere il conto! :)

      Elimina
  2. Ne ho scoperti tanti pure io, fin troppi xD
    Non si smette mai di aggiungerne!

    RispondiElimina
  3. Che bello, Adele! Ti ringrazio di cuore per le volte che hai colto i miei consigli libreschi <3

    Ma sai che proprio l'altro ieri ho ripreso Marina Keegan tra le mani e ho riletto le mie due pagine preferite? Lo faccio ogni volta che mi faccio prendere dalla paura del futuro, quando mi do per spacciata o per avere delle certezze astratte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei una fonte inesauribile di consigli! <3

      Sai che dopo aver scritto questo post e aver riletto la mia recensione, ho copiato una bellissima citazione e l'ho appesa in bella vista in camera mia?
      "Non possiamo, non dobbiamo perdere questo senso di possibilità perché alla fine è tutto ciò che abbiamo."

      Elimina
  4. Ormai tutti i libri che leggo è perchè li ho visti sui blog, su youtube o su instagram. In fondo non è a questo che servono?

    RispondiElimina
  5. Mamma mia, The queen of the Tearling un mezzo parto, però alla fine mi era piaciuccato, nonostante il world-building non mi avesse convinto.
    Regina Rossa non mi ha mai convinto al cento percento, ma diciamo dovrebbe essere il mio genere, per questo è in lista :)

    RispondiElimina

Grazie per ogni commento lasciato! Mi fa realmente piacere conoscere le vostre opinioni :)

Copyright © 2016 The Book Lawyer , Blogger