venerdì 22 aprile 2016

Deliri letterari, autori denigrati e succose confessioni: 25 fatti libreschi su di me


Buongiorno a tutti! 
C'è voluto un po', ma alla fine sono riuscita a stilare la lista dei 25 fatti libreschi su di me. Ringrazio Rosa per avermi nominata e iniziamo subito con questo tag che sta spopolando nella blogosfera! 


1. Amo leggere da prima che sapessi farlo.
Sarà che forse anche mia mamma condivide la mia stessa passione e che da piccola mi leggeva libri su libri, ma ho un ricordo ben distinto di me che chiedo ad un'entità indistinta "Ti prego, ti prego fammi imparare a leggere!" Ovviamente, affinché il mio desiderio si realizzasse ho dovuto aspettare la prima elementare ( mia madre, seguendo un suo pensiero pedagogico, si è rifiutata di insegnarmi prima dei sei anni): da quel momento ho iniziato a leggere e non ho più smesso.

2. Spesso la notte sogno i libri.
Sono due i sogni ricorrenti: io che mi trovo in una libreria e trovo dei libri che desideravo da tempo ad un prezzo stracciato e io nella mia biblioteca intenta a riordinare gli scaffali.
Delle volte mi faccio paura.


3. Non solo amo leggere, ma venero i libri.

Amo studiare manoscritti, storia della letteratura, storia del libro, mercato libraio, i vari formati del libro nei secoli: insomma, amo quello che il mio corso di laurea mi permette di imparare.


 4. Non so ancora con certezza cosa voglio fare da grande, ma sono certa che qualsiasi sarà la mia professione dovrà riguardare i libri. Non potrei essere felice in nessun altro modo.


 5. Adoro consigliare letture e ogni qualvolta qualche amico viene da me per chiedere dei consigli, io parto in quarta raccomandandogli ogni volume mai esistito.


6. Sono convinta che esista un libro per ognuno di noi. Anche se non ti piace leggere, là fuori c'è un libro che ti conquisterà e ti farà innamorare della lettura. Il mio scopo nella vita? Analizzare le persone che mi stanno vicino e trovare quel libro.

7. Compro pochi libri e sempre dopo una scelta accurata. Tra letture di piacere e universitarie, camera mia sta per esplodere e posso permettermi ancora davvero pochi volumi. La maggior parte delle mie letture arriva dalla biblioteca.

8. Amo la mia biblioteca. La frequento da quando ero piccola: è grande, ben fornita, conosco tutti i bibliotecari e loro conoscono me. Delle volte, quando sono stressata o semplicemente triste, ci faccio un salto: mi fa subito stare meglio.

9. Adoro parlare di libri, è il mio argomento di conversazione preferito.

10. Fino all'anno scorso rabbrividivo solo all'idea di sottolineare in matita una citazione, ora sono dell'opinione opposta: mi piace sottolineare, appuntare, disegnare sui margini delle pagine ( ma mai in penna, solo ed esclusivamente in matita). 

11. Nonostante ciò, mi sento mancare ogni volta che qualcuno piega l'angolo di una pagina per tenere il segno. 

12. Non presto i miei libri a nessuno: non importa il nostro livello di amicizia, nessuno potrà mai avere i miei bambini. L'unica eccezione è la mia amica Ilaria: mi fido ciecamente di lei, poichè, come me, non si azzarderebbe mai a rovinare un romanzo. 

13. Amo leggere saggi che parlano di libri e della lettura, li trovo estremamente interessanti. 

14. Fino alla scorsa estate ero contraria al Kindle, ma per motivi di spazio, a Natale ho ceduto alle magie del digitale. Mi ci devo ancora abituare, continuo a preferire nettamente il cartaceo, ma devo ammettere che in alcuni casi è molto comodo. 

15. Raramente leggo fino in fondo le trame dei libri. So che può sembrare strano, ma mi piace addentrami nelle pagine di un romanzo sapendo il meno possibile della sua storia. 

16. Difficilmente mi faccio incantare dalle copertine: ciò che mi spinge a comprare un libro sono le prime righe della trama e le recensioni su Goodreads. 

17. Non amo particolarmente i romance, a meno che non siano tragici e drammatici ( come avrete potuto notare dal mio ultimo post). 

18. Sono due le mie literary crush: Mr Darcy di Orgoglio e Pregiudizio e Gansey dei Raven Boys

19. Ho diversi libri non letti sui miei scaffali, ma la cosa non mi disturba particolarmente: sono convinta che ogni romanzo abbia il suo momento giusto per essere letto. 

20. Adoro prendere in giro ( ovviamente in modo affettuoso) i grandi letterati della tradizione italiana. Forse mi sono presa certe confidenze poiché li studio così tanto, ma nulla mi fa più ridere di un bel meme sul sommo poeta. 

21. Parlando di letteratura italiana, gli autori che mi stanno più simpatici ( tralasciando le loro opere, mi riferisco alla loro personalità) sono Dante Alighieri, Giacomo Leopardi, Eugenio Montale e Italo Calvino. Mentre non sopporto Gabriele D'Annunzio e Italo Svevo

22. Sono una grande difenditrice della cultura libraia e non, il nome del mio blog deriva proprio da questa mia convinzione. Credo fermamente nell'importanza di tutte quelle arti che spesso vengono ignorate o non considerate degne di attenzione in un mondo pieno di numeri e calcoli. 

23. Rabbrividisco alla vista di errori di ortografia e grammatica, sia che questi si trovino nei libri sia se li incrocio nella vita quotidiana. Ma, poichè siamo tutti umani e non considero me stessa invincibile, uso più volte al giorno il vocabolario. Certi dubbi possono affliggere anche gli studenti di Lettere! 

24. Non smetterò mai di ringraziare i miei genitori per non aver mai ostacolato la mia enorme passione e per aver accettato insieme a me il rischio di una strada non certa e magari accidentata. Inoltre, mia mamma ha davvero tanta pazienza: non solo ascolta i miei sproloqui letterari, ma si ricorda anche tutti i libri che ho letto e le mie opinioni a riguardo.

25. I libri mi rendono felice. La mera idea di tutti quei romanzi che devo ancora leggere e di cui mi innamorerò mi fa stare bene. 


Nomino a mia volta

Sono curiosa di leggere i vostri venticinque fatti libreschi!  

Abbiamo qualche punto in comune? 
Alla prossima, 
Adele

25 commenti:

  1. Il secondo punto! Anch'io li sogno!
    Non sono l'unica allora! :')

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero? Oh che bello, mi fai sentire meno sola! ^^

      Elimina
  2. Ciaooo Adele <3<3<3<3 adoro i tuoi fatti libreschi, condivido con te molti di quelli che hai scritto tra cui il consigliare libri e il fatto che c'è un libro per ognuno di noi è ciò che dico sempre a chi non legge, come te sottolineo i libri soprattutto quelli che mi piacciono tantissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefii! <3 Che bello, non sapevo che avessimo tante cose in comune u.u

      Elimina
  3. Ma quanto sono contenta di averti nominata?
    Adoro i tuoi 25 punti uno per uno.
    Ho quasi fatto un salto in aria al punto 2: ti giuro, anch'io sogno libri! Tra l'altro mi è capitato proprio stanotte. Dio, quanto è dura poi svegliarsi, quando ti rendi conto che in mano non hai più quella splendida edizione, così ben curata (Perché? Perché?).
    Con Kindle ho un solo problema: se un libro non mi convince, mi assale il dubbio "Chissà, magari se lo avessi letto in formato cartaceo ...?".
    E poi smontare i colossi della letteratura, sìììììì! Secondo me è istruttivo, dovrebbero farlo fare anche a scuola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosa! *w* Grazie ancora per la nomina!Hai ragione, quello sconforto che ti colpisce quando capisci che quel libro non è tra le tue mani è qualcosa di orrendo!
      Sììì, distruggiamoli tutti! :D

      Elimina
  4. Mi sono piaciuti tutti e 15 i punti ma il mio preferito è sicuramente il 15. Io leggo le trame molto velocemente e finisce che non mi ricordo di cosa parlavano dopo l'acquisto ma mi piace perché dei libri di cui sono intenzionata a leggere non voglio sapere nulla!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volevo dire tutti e 25 eheheh ;P

      Elimina
    2. Esattamente! :3 Credo che dia alla lettura tutto un altro sapore!

      Elimina
  5. "Sono convinta che esista un libro per ognuno di noi." Ci credo fermamente anch'io, perchè l'ho provato sulla mia pelle. Fino a due anni fa al solo sentir parlare di libri storcevo il naso, non ne volevo sapere e gli unici che "leggevo" erano quelli obbligatori per scuola. Poi, BOOM, è arrivato il libro che ha cambiato tutto e ora non potrei vivere senza libri! Per cui abbiamo la stessa missione! .________.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Girls on a mission! *w*
      Posso chiederti qual è stato il libro che ti ha fatto cambiare idea? :)

      Elimina
    2. Ehm, sì puoi chiederlo, maaaaa ti avviso che non ci crederai mai XD È stato merito di 50 sfumature. So che tutti odiano questa serie e posso capire anche le ragioni, ma io ci sono affezionata perchè mi ha permesso di innamorarmi della lettura e farla diventare la mia passione più grande. Ecco svelato il mistero ahahahah Comunque adoro questo tag, penso lo farò anche io! Ho altri scheletri nell'armadio da dover confessare...

      Elimina
    3. Ma non importa assolutamente! L?importante è che ti abbia avvicinato alla lettura! :)
      Sono curiosa di leggere i tuoi 25 punti! *w*

      Elimina
  6. Carissima Adele, anch'io amo studiare le persone per capire quale possa essere il libro che fa per loro!
    Anche per me non si può dire di non amare leggere, se prima non si è trovato il libro "giusto" per se stessi!!! :)

    RispondiElimina
  7. Ciao :)
    Diciamo che con concordo con tre quarti dei tuoi venticinque fatti librosi :)

    RispondiElimina
  8. Adeee! Anche io sogno spesso i libri *w* e amo consigliare i libri! In libreria tengo sempre le orecchie aperte in caso qualcuno abbia bisogno di consiglio, anche perché solitamente ne so di più degli impiegati! ahahah Grazie per avermi nominata :3 <3<3<3

    RispondiElimina
  9. Grazie tesoro per avermi nominata! Devo assolutamente farlo anche io! *-*
    Ahah io più che sognare i libri sono i personaggi maschili...*sivergognamanontroppo* e immagino come sarebbe se fossero reali e pazzi di me... (pensa come sono messa ahahah)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente Giuli, non vedo l'ora di leggero! *w*
      Ahahaha nooo, non ti vergognare: è più comune di quello che pensi u.u

      Elimina
  10. Eccomi qui, me l'ero persa scusami >.<
    Comunque ho notato che abbiamo qualche punto in comune, altri proprio no xD la cosa che ritengo più importante tra i tuoi "fatti libreschi" è che esiste il libro giusto per chiunque, lettori e non. La pensiamo assolutamente allo stesso modo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma figurati! :) Per fortuna dire: sai che noia avere tutti e 25 i punti in comune! :') ♥

      Elimina
  11. Condivido molti punti, in particolare i numeri 1 e 6. Prima di saper leggere io veneravo gli audiolibri (nel loro fantastico formato di minicassette da mettere nel lettore portatile), e mi divertivo a seguire le immagini sul riferimento cartaceo. Sono arrivata al punto in cui sembrava sapessi effettivamente leggere, ma in realtà avevo imparato a memoria tutta la narrazione e il momento in cui andavano girate le pagine ;)
    Inoltre anche io sono fermamente convinta che esista un libro per ognuno di noi, semplicemente alcune perone non hanno ancora trovato il proprio! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me le ricordo! Erano per caso quelle delle fiabe? Dove c'erano dei brevi intermezzi musicali suonati con quello che sembrava essere un clavicembalo?
      Mi hai fatto fare un tuffo nel passato ^^

      Elimina

Grazie per ogni commento lasciato! Mi fa realmente piacere conoscere le vostre opinioni :)

Copyright © 2016 The Book Lawyer , Blogger