sabato 29 agosto 2015

Recensione "Regina Rossa" di Victoria Aveyard


Buongiorno cari lettori! :) Ho appena finito di leggere "Regina Rossa" ed ecco qui la mia recensione a caldo.






                                                             Titolo: Regina Rossa
Autore: Victoria Aveyard
Casa editrice: Mondadori
Prezzo: 19,00 danee ( cartaceo)
      6,99 danee (ebook)

Il mondo di Mare Barrow è diviso dal colore del sangue: rosso o argento. Mare e la sua famiglia sono Rossi, povera gente, destinata a vivere di stenti e costretta ai lavori più umili al servizio degli Argentei, valorosi guerrieri dai poteri sovrannaturali che li rendono simili a divinità. Mare ha diciassette anni e ha già perso qualsiasi fiducia nel futuro. Finché un giorno si ritrova a Palazzo e, proprio davanti alla famiglia reale al completo, scopre di avere un potere straordinario che nessun Argenteo ha mai posseduto. Eppure il suo sangue è rosso… Mare rappresenta un'eccezione destinata a mettere in discussione l'intero sistema sociale. Il Re per evitare che trapeli la notizia la costringe a fingersi una principessa Argentea promettendola in sposa a uno dei suoi figli. Mentre Mare è sempre più risucchiata nelle dinamiche di Palazzo, decide di giocarsi tutto per aiutare la Guardia Scarlatta, il capo dei ribelli Rossi. Questo dà inizio a una danza mortale che mette un nobile contro l'altro e Mare contro il suo cuore. Regina Rossa apre una nuova serie fantasy vivida e seducente dove la lealtà e il desiderio rischiano di esseri fatali e l'unica mossa certa è il tradimento.







 
(3.5) Mi è piaciuto

Non avevo molte aspettative: come sempre le recensioni su Goodreads mi avevano avvertita "Carino, ma nulla di che". Effettivamente avevano ragione. 
Regina Rossa è un mix tra un distopico e un fantasy: ambientato nelle terre di Norda in un futuro lontano, racconta di un mondo abitato dagli Argentei, dotati di poteri inimmaginabili e con sangue color argento e i Rossi, con sangue rosso e con nulla di particolare. I primi comandano sui secondi grazie all'autorità che deriva dalle loro abilità. Non ho letto molti distopici, se non i più famosi, e quindi potrei sbagliarmi quando dico che ho trovato la costruzione di questo mondo molto originale: mi è piaciuto  il fatto che le due "fazioni" avessero due colori di sangue diverso e che quindi le prevaricazioni si basassero su una questione genetica. 
Ho trovato la storia molto interessante, mi è piaciuto anche l'intreccio, anche se la maggior parte dei risvolti erano abbastanza prevedibili. 
Nonostante ciò questo libro ha molte pecche, a partire da lei, Mare, la protagonista. Questa giovane ragazza è una contraddizione vivente ed è stata costruita proprio male. Vittima dello stereotipo senza sentimenti= badass, credo che l'autrice abbia fallito nell'intento di creare un'eroina, visto che il risultato è stato una protagonista scialba e noiosa. Tutti avete presente Katniss Everdeen: quando ho letto Hunger Games mi sono innamorata lei, poichè era la prima volta che incontravo una ragazza scontrosa e sprezzante, ma non per questo fredda e antipatica. Vi assicuro che Mare non ha nulla a che vedere con lei.
Credo che un esempio potrà spiegare meglio la mia posizione. A pagina 264, Mare, dopo aver visto Cal, dice: 

" Mi si stringe lo stomaco, ma non per l'emozione, lo scompiglio o qualunque altra cosa di cui parlino le ragazzine sceme. " 

Ovvio no? Perchè una ragazza forte non può innamorarsi e non può provare quello che provano le persone quando vedono colui/colei che amano.
Nella visione di Mare, l'amore è un

difetto e non una condizione normale dell'essere umani. Avrei potuto anche accettare la sua opinione se non che nella pagina seguente la stessa Mare progetta di uccidere Evangeline solo perchè sta a fianco del ragazzo da lei desiderato. A questo punto non ho potuto non afferrare la matita e scrivere a bordo pagina 
" Chi è la ragazzina scema, adesso?" La mia unica speranza è che la Aveyard abbia creato di proposito una ragazza del genere e che nei prossimi libri ci farà assistere alla sua crescita come persona. 
Inoltre, un aspetto che mi ha delusa da amante di castelli e nobiltà, sono le pochissime parole che l'autrice ha speso per descrivere la vita a palazzo che Mare si vede costretta ad affrontare. Ci viene detto che partecipa a cene suntuose, ma non vengono spiegate. Insomma, manca tutto quel lato alla " The Selection" che forse avrebbe alzato la mia valutazione a quattro stelline. 
Un'altra pecca è l'aspetto dei poteri e della magia che, a mio parere, non è stato affrontato abbastanza e mi ha lasciata con molte domande, tra cui come mai gli Argentei hanno il sangue di quel colore. Spero vivamente che i prossimi libri lascino più spazio a questa tematica. 
In conclusione, vi consgilio questo libro? Sì, se siete disposti a passare oltre Mare, sentimenti poco approfonditi, cambi repentini di opinioni, decisioni capitali prese in tre secondi, ne vale davvero la pena di conoscere il mondo di Norda.


E voi? Cosa ne pensate? Avete letto il libro o avete intenzione di farlo? Come sempre, sono curiosa di conoscere le vostre opinioni. :)

Alla prossima, 
Adele


11 commenti:

  1. Ciao cara, ho letto alcune recensioni su questo romanzo, tutte con una nota negativa perlopiù a causa della protagonista, tuttavia l'ambiente descritto sembra abbastanza interessante, tanto che credo lo leggerò! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cinzia! :) Che bello sentirti, vuol dire che i preparativi per il matrimonio non ti hanno prosciugata del tutto! ;)
      Come ho detto nella recensione, alla fine ne vale la pena, soprattutto se ti piace il genere fantasy/distopico <3

      Elimina
  2. Mmm... Hai fatto una recensione molto dettagliata, e sono felice di averla letta. Io ho intenzione di leggerlo, per il semplice fatto che, nonostante abbia letto recensioni su Goodreads da te citate, ne stanno parlando tutti e quindi mi incuriosisco. Però partirò senza aspettarmi nulla di speciale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ilaria! :) Ti capisco, anche per me quando tutti parlano di un libro ( brutto o bello che sia) è necessario aggiungerlo alla mia tbr! Sì, direi che è l'atteggiamento giusto da assumere ;)
      P.S.: ho notato ora che non seguo il tuo blog! Rimedio subito :*

      Elimina
    2. Ahahah grazie, ma che dolce :)

      Elimina
  3. Oh, mamma mia... Io speravo davvero che fosse un libro bellissimo, ma io sono molto sensibile alle protagoniste poco costruite e simpatiche, quindi temo che non sia il libro giusto per me... Magari però lo leggerò comunque visto che l'hai consigliato ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai qual è il problema a mio parere? Che c'era un saco di hype attorno e quindi tutti ci aspettavamo un capolavoro al pari della Divina Commedia :/ Sì alla fine non è malaccio come libro, solo che rispetto alle aspettative è una grande delusione ..

      Elimina
  4. Dovrebbe arrivarmi tra poco (spero) e non so bene cosa aspettarmi, ma la tua è davvero una bella recensione, complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda ti consiglio di non aspettarti nulla! Magari così riuscirai ad apprezzarlo ... Grazie mille! :D

      Elimina
  5. Bene bene, ti dirò che ero stata tentata di comprarlo perché mi attirava molto la copertina: non avevo letto la trama, nemmeno la quarta di copertina, quindi mi ero fatta questa specie di viaggio mentale, convintissima che parlasse di Bloody Mary hahahaha vaaabbeh, vista la tua opinione penso proprio che lo leggerò, ma senza troppe aspettative: una bella fiaba moderna, sicuramente, con quella giusta quantità di principesco charm che piace a me, ma al contempo non un capolavoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah magariii parlasse della mia amata Mary!
      Esatto, non è un capolavoro, ma non è nemmeno da buttar via <3

      Elimina

Grazie per ogni commento lasciato! Mi fa realmente piacere conoscere le vostre opinioni :)

Copyright © 2016 The Book Lawyer , Blogger